Ring storchenwiege didattica

Fascia ad anelli. Utilizzabile dalla nascita in posizione pancia contro pancia e successivamente sul mezzofianco e sul fianco. Tessitura a diamante, 100% cotone, grammatura 220 g/m2, pannello 70 cm, righe con colorazione della scuola di provenienza che aiutano l’apprendimento.

FASCIA TUBOLARE o POUCH

È un anello di stoffa i cui lembi sono cuciti fra loro, è corta e
non necessita di alcuna legatura.
– Si infila velocemente
– Leggera e compatta
– Rispetto alla Ring, non è regolabile e il sostegno del collo
è garantito dal risvolto degli orli sulla spalla
– Spesso viene fatta su misura
– Solitamente viene usata per portare pancia contro pancia o
sul fianco
– È una fascia mono spalla e sottopone la schiena ad un carico
mal distribuito rispetto a un supporto che si appoggi ad
entrambe le spalle.

Fonte:
Bressan N. (2015), Leghiamoci. Come usare la fascia porta bebè in ogni situazione, Bonomi Editore, Pavia

FASCIA AD ANELLI O RING SLING

È costituita da una striscia di stoffa con due anelli per il bloccaggio
– Misura circa 2 metri e non necessita di legature particolari:
una volta preparata, sono gli anelli a bloccare la stoffa quando
il bambino viene inserito nella fascia
– Permette di portare pancia contro pancia e sul fianco
– Occupa poco spazio, è pratica, ma meno versatile
– Adatta a Sali e scendi rapidi (viaggi in macchina, bambini che
camminano) ma non per lunghe passeggiate.
– È una fascia mono spalla e sottopone la schiena a un carico mal
distribuito rispetto a un supporto che si appoggi ad entrambe le spalle.

Fonte:
Bressan N. (2015), Leghiamoci. Come usare la fascia porta bebè in ogni situazione, Bonomi Editore, Pavia

MEI TAI, HALF BUCKLE

MEI TAI:
Supporto di origine asiatica più strutturato della fascia, con un
corpo centrale, due fasce superiori e una fascia ventrale.

– Può risultare più facile e veloce da legare rispetto alla fascia
– Si può usare dai 3 mesi circa
– È simile ad un marsupio ma le fasce scaricano meglio il peso
ed è più regolabile
– Permette di portare i bambini davanti, sul fianco e sulla schiena
– Può essere accompagnato dal reggitesta e da varie regolazioni
– “parenti”: podeagi (con corpo più lungo e senza fascia ventrale)
e onbuhimo (con anelli al posto della fascia ventrale). *

HALF BUCKLE
è un supporto ergonomico semi strutturato che presenta un fascione ventrale con chiusura a scatto.
E’ realizzato in tessuto di fascia ed ha un pannello che ricopre completamente il corpo del bambino. A differenza di un classico marsupio, non presenta spallacci imbottiti o semi imbottiti, ma due fasce di tessuto che si adattano alla corporatura del portatore e vengono legate in vita in diversi modi per offrire il massimo comfort e un ottimo scarico del peso.

*Fonte:
Bressan N. (2015), Leghiamoci. Come usare la fascia porta bebè in ogni situazione, Bonomi Editore, Pavia

LA FASCIA LUNGA ELASTICA

La fascia elastica è una stola di stoffa, di solito lunga almeno 4m,
di cotone o a volte con una piccola parte di elastene.
– Permette di contenere i bambini più piccoli, dalla nascita
– Permette di contenere i bambini più piccoli, dalla nascita
fino a circa 6-8 chili a seconda della marca
– Si può usare SOLO facendo legature con un triplo sostegno,
SOLO davanti
– È molto usata coi bambini prematuri
– È meno versatile della fascia rigida
– È meno versatile della fascia rigida
– È spesso poco traspirate
– Sostiene bene la schiena grazie allo scarico del peso su entrambe
le spalle
– In Italia al momento è la fascia più diffusa in commercio.

Fonte:
Bressan N. (2015), Leghiamoci. Come usare la fascia porta bebè in ogni situazione, Bonomi Editore, Pavia

FASCIA RIGIDA

La fascia rigida, è una stola di stoffa di diverse misure
(si va di solito dai 2,6 ai 5,2 metri), spesso di cotone o altre fibre naturali
tessute “a trama diagonale” o in jacquard, la fascia non è elastica.
– Permette di portare in tutte le posizioni (cuore a cuore, fianco e dietro)
– È molto versatile e adattabile (ampia scelta di legature),
si usa dalla nascita senza limiti di peso
– Inizialmente più impegnativa rispetto all’elastica
– Sostiene meglio la schiena di chi porta scaricando uniformemente
il peso del bambino
– È il supporto che meglio avvolge e sostiene il corpo del bambino,
e per questo motivo è l’unico supporto indicato con bambini
con ipotonia, Sindrome di Down, displasia dell’anca.

Fonte:
Bressan N. (2015), Leghiamoci. Come usare la fascia porta bebè in ogni situazione, Bonomi Editore, Pavia

MARSUPIO ERGONOMICO VS TRADIZIONALE

Quali sono le differenze?

Il Marsupio Ergonomico, grazie al particolare design e alle caratteristiche uniche è drasticamente diverso dalla versione tradizionale normalmente in commercio.

È essenziale scegliere bene, per la salute e la sicurezza del bambino, nonché per il confort del genitore.

MARSUPIO  ERGONOMICO

È un supporto porta bebè strutturato, formato da un corpo di stoffa e degli spallacci con le cinghie.

Il corpo crea una specie di tasca, dove inserire il bambino, regolabile grazie ai moschettoni fissati sulle cinghie.

  • È un marsupio poco ingombrante in fase di legatura
  • Può essere leggero o pesante, molto ripiegabile o più ingombrante una volta chiuso
  • Essendo strutturato è meno adattabile nelle diverse posizioni
  • È difficile da regolare perfettamente sul corpo del bambino (bisogna fare molta attenzione alle taglie: standard, toddler o preschooler)
  • Normalmente usato dai 6 mesi ai 3 anni a seconda della marca
  • È culturalmente più accettato.

MARSUPIO TRADIZIONALE

Nonostante siano molto diffusi, spesso non rispettano i requisiti minimi di ergonomia. Ecco il perché:

  • la seduta è molto stretto e lascia le gambe del bambino a penzoloni, scaricandone tutto il peso nella zona del pannolino. Inoltre, sollecita in modo errato le anche (soprattutto in caso di displasia dell’anca).
  • Lo schienale rigido e la seduta stretta portano il bambino ad appoggiarsi all’indietro e ad inarcare la schiena, sovraccaricando la colonna vertebrale (spesso in tenerissima età). In questo modo, il bambino si allontana dal corpo di chi lo porta che inevitabilmente percepirà maggiormente il suo peso a discapito della comodità.
  • Gli Spallacci incrociati sulla schiena dell’adulto (senza fascione addominale per scaricare meglio il peso del piccolo) sono spesso stretti, taglienti e di conseguenza fastidiosi (in relazione anche all’aumento del peso e del crescere del bambino)
  • possono essere usati SOLO davanti sia in posizione “cuore a cuore” (anche se con schiena e anche mal posizionate) che “fronte mondo” posizione sconsigliata da tutti gli esperti mondiali di babywearing.
  • Non possono essere utilizzati sulla schiena
  • Sono spesso confezionati con imbottiture e materiali sintetici che rimanendo a contatto con la pelle delicata dei piccoli li fanno sudare.
  • Vengono erroneamente consigliati dalla nascita ma NON È COSÌ